The Personal and Public Spheres in Habemus Papam (2011): A Cinematic “Prophecy” on the Future of the Church

Anthony Cristiano

Resumo


Abstract: This piece offers a critical study of Habemus Papam (Nanni Moretti, 2011) at the heel of the unexpected resignation of Pope Benedict XVI. The film scored international success and won several prizes and a nomination to the Palme d’or at the Cannes Film Festival. It is an unusually successful film on religion which stands out for directly dealing with the divine nature and future of the Catholic Church. The study is conducted by placing the film into a historical perspective and by underscoring its unprecedented political position on the topic of religion and film. It examines the alleged “prophetic” ability the film had in predicting the resignation of the Pope, and the implied critical discourse on the future of the Church. The argument is that the principal theme and forms of Habemus Papam propose a trope of modernism. The demise of religious narratives is predicated on the quality of the mise-en-scène and trajectory of the narrative. The iconography of the cinema replaces that of the sacred, and the turmoil of historical and scandalous events are weathered through forms of individualism and eccentricism afforded by the technical innovations and tools brought about by the modern era.

 

Key words: Film History. Film Ethics. Film Aesthetics. Modernism. Religion. Sacred. Iconography. Catholic Church. Cinema. Nanni Moretti. Cannes. Carol Wojtyla. Benedict XVI.

Abstract: Questo saggio offre uno studio critico di Habemus Papam (Nanni Moretti, 2011) in relazione alle dimissioni inaspettate di Papa Benedetto XVI. Il film ha ottenuto un successo internazionale, vincendo numerosi premi e una nomination alla Palme d'or al Festival di Cannes. Si tratta di un successo insolito per un film sulla religione; un film che si occupa direttamente della natura divina e del futuro della Chiesa Cattolica. Lo studio è condotto ponendo innanzitutto il film in una prospettiva storica, e sottolineandone la posizione politica senza precedenti sul tema della religione e del cinema. Si esamina la presunta capacità “profetica” mostrata nel film nel predire le dimissioni del Papa, e il discorso implicitamente critico sul futuro della Chiesa. La tesi che domina questo studio è che il tema principale e le forme di Habemus Papam propongono una metafora del modernismo. La scomparsa o l’indebolimento, delle grandi tematiche religiose sono evinti dalla qualità della mise-en-scène del film e dalla traiettoria della storia in esso raccontata. L’iconografia del cinema sostituisce quella del sacro, e al tumulto derivato da eventi storici e scandalosi si fa fronte attraverso forme di individualismo ed eccentricità, coadiuvati a loro volta dalle innovazioni in materia di tecniche e strumenti presentati dall’era moderna.

Parole chiave: Storia del cinema. Cinema e etica. Estetica del cinema. Modernismo. Religione. Sacro. Iconografia. Chiesa Cattolica. Cinema. Nanni Moretti. Cannes. Carol Wojtyla. Benedetto XVI.


Texto completo:

PDF


Licença Creative Commons
Este número de Revista Italiano UERJ é licenciado sob uma Licença Creative Commons Atribuição-Não Comercial 3.0 Não Adaptada.


Universidade do Estado do Rio de Janeiro
UNIVERSIDADE DO ESTADO DO RIO DE JANEIRO
Instituto de Letras
Rua São Francisco Xavier, 524, 11° andar, CEP 20559-900, Maracanã, Rio de Janeiro-RJ, Brasil
E-mail: revistaitalianouerj@yahoo.it